Bresson Game

WWE 2K24 offre un altro intenso incontro di felicità in prima fila

WWE 2K24 offre un altro intenso incontro di felicità in prima fila


“L’evoluzione è un mistero, pieno di cambiamenti che nessuno vede”. Quindi vai al testo della colonna sonora di Evolution, una delle più grandi fazioni di sempre della WWE.

Tuttavia, sono testi che non funzionano davvero nel contesto di WWE 2K24. Sebbene il capitolo di quest’anno sia, come sempre, un’evoluzione di quello dell’anno scorso, non c’è alcun mistero nell’individuare dove sono stati apportati i cambiamenti.

Le nuove aggiunte più evidenti riguardano i tre principali nuovi tipi di partita. Gli incontri in ambulanza e quelli in bara non differiscono molto l’uno dall’altro, a parte l’ovvia differenza che tradizionalmente uno si prende cura dei feriti mentre l’altro tiene i morti.

Lo scopo è sempre lo stesso: i giocatori devono indebolire i loro avversari al punto da poter essere guidati nell’ambulanza o nella bara, seguito da un minigioco premendo i pulsanti (non diversamente dall’esecuzione di una sottomissione) in cui la porta viene lentamente e drammaticamente chiuso mentre l’avversario fatica ad impedirlo.

Entrambi rappresentano un’aggiunta perfetta al gioco, anche se sono poco più che elaborate partite di sottomissione con passaggi aggiuntivi. Un altro aspetto positivo è il ritorno della partita arbitrale ospite, in cui il giocatore può scegliere di controllare gli arbitri e decidere se giocare secondo i libri o fare un Earl Hebner e truccare la partita, in stile Montreal.

Se ti ritrovi ad arbitrare una partita con concorrenti CPU, l’intelligenza artificiale può essere piuttosto scadente. Puoi girarti all’improvviso e lanciare una powerbomb a uno di loro, e non appena si alzeranno continueranno a combattere come se nulla fosse successo, invece di dichiarare imbrogli.

Un misuratore misura il tuo livello di corruzione e vieni sostituito con un normale arbitro se lo spingi troppo oltre, ma questo può essere facilmente ripristinato con un paio di conteggi accurati di pin o count-out, permettendoti di continuare la tua sinistra violazione delle regole mentre il fan e combattenti con una mentalità da pesce rosso stanno al gioco. È molto sciocco, ma comunque divertente.

Avviso: Per visualizzare questo incorporamento, consenti l’uso dei cookie funzionali nelle Preferenze cookie.

L’altro cambiamento principale in 2K24 è la modalità Showcase di quest’anno. Dopo il ricco showcase dell’anno scorso dedicato a John Cena, che copriva la carriera del favorito dai fan, questa volta il tema è 40 anni di WrestleMania, con una selezione di 21 match che abbracciano la storia dell’evento.

Naturalmente, questo elenco avrebbe sempre suscitato dibattito. Chiedi a chiunque di elencare i suoi 21 match preferiti di WrestleMania ed è quasi certo che non ci saranno due elenchi uguali, ma da vecchi fannulloni ci sarebbe piaciuto vedere più match dei primi giorni. I classici come Andre vs Hogan, Savage vs Hogan e Warrior vs… ehm, Hogan sono naturalmente presenti e presi in considerazione, ma ci sono molte altre prime gemme che non sono presenti qui (probabilmente per motivi di licenza).

Savage vs Flair di WM8 sarebbe stato fantastico, così come Bret vs Owen di WM10, ma con quest’ultimo combattente in ogni incontro non presente nel gioco. Allo stesso modo, spostati più in basso nella sequenza temporale e la mancanza di Edge e Christian, ora con sede in AEW, significa che nessuno dei loro memorabili incontri in scala con gli Hardy Boyz (anche loro scomparsi) sarà presentato qui.

Anche in questo caso, però, si tratta di preferenze personali e non si può negare che gli abbinamenti scelti qui siano ancora dei classici. Come negli anni precedenti, la modalità fa uso di quella che 2K chiama “tecnologia fionda”, in cui il gioco passa al filmato d’archivio FMV della partita vera e propria nei punti chiave, per poi tornare al gioco. È un bel trucco, ma a volte il filmato dura troppo a lungo e quando raggiungiamo le partite recenti alla fine della sequenza temporale ci ritroviamo a saltare il filmato per tornare al gameplay più velocemente.

Un’altra cosa che Showcase evidenzia è l’ammirevole attenzione ai dettagli del gioco. Cose più piccole che potrebbero essere ignorate da altri sviluppatori vengono aggiunte qui perché si sa che i fan le cercherebbero. Kurt Angle che abbassa le spalline del body durante il combattimento, la pittura sul viso di Ultimate Warrior che scappa alla fine del suo incontro con Hogan, è tutto qui.

“Cose più piccole che potrebbero essere ignorate da altri sviluppatori vengono aggiunte qui perché si sa che i fan le cercherebbero. Kurt Angle che abbassa le spalline del body durante il combattimento, la pittura sul viso di Ultimate Warrior che scompare alla fine del suo incontro con Hogan, è tutto qui.

La partita finale in Showcase è un po’ un incubo, ma vale la pena provare a finirla perché sblocca oggetti extra per l’altra modalità principale, MyFaction. MyFaction dell’anno scorso è stato criticato per i suoi pacchetti di carte ridicolmente costosi e il suo gameplay ripetitivo, e sebbene l’edizione di quest’anno non risolva completamente tutto, rappresenta un grande miglioramento.

Il cambiamento più notevole in MyFaction è una revisione completa della modalità Faction Wars. Nel gioco dell’anno scorso si trattava di una serie infinita di partite 4 contro 4, ognuna delle quali richiedeva un’eternità per essere completata a causa della costante interferenza degli avversari CPU ogni volta che tentavi uno schienamento o una sottomissione. Tutto questo è cambiato.

Quest’anno, Faction Wars ha una sorta di struttura roguelike in cui inizi con la tua squadra di quattro persone e devi farti strada attraverso cinque “stagioni” di partite, raccogliendo carte bonus e cercando di gestire la resistenza dei tuoi lottatori lungo il percorso. Affronterai una varietà di partite 1 contro 1, 2 contro 2 e 3 contro 3 con regole diverse: una partita in scala un minuto, un tag tornado il minuto successivo – e ci sono più percorsi tra cui scegliere. ricompense variabili.

Alla fine di ogni stagione affronti una fazione “boss” e torni alla partita 4 contro 4 vista in Faction Wars dell’anno scorso, ma questa volta è infinitamente meno frustrante perché quando un lottatore interferisce per rompere uno spillo o sottomissione, ora ricevono una X sopra il loro nome e non possono più interferire finché non si uniscono.

Ciò significa che una volta che tutti e tre i partner del tuo avversario hanno interferito, sei libero di bloccarli senza problemi. Potrebbe non essere particolarmente realistico, ma in termini di meccanica del videogioco reale è molto meno fastidioso.

Lo scopo di Faction Wars è guadagnare valuta, che può poi essere utilizzata per acquistare lottatori: quelli standard da un elenco a rotazione o qualsiasi lottatore della fazione boss che sconfiggi lungo il percorso. Questi ultimi sono più costosi e potrebbero richiedere più passaggi per essere sbloccati, ma sono esclusivi della modalità e ti aiutano a costruire il livello della tua collezione.

I pacchetti di carte oscenamente costosi fanno il loro ritorno quest’anno, ed è altrettanto comico considerare la possibilità di completare un set completo di carte senza lasciarne letteralmente migliaia nel gioco. Una nuova aggiunta, tuttavia, ti consente almeno di acquistare carte specifiche da ciascun pacchetto, il che significa che, almeno in teoria, saranno finiti i giorni in cui sprecavi tutta la tua valuta su più pacchetti nella speranza di ottenere l’unica carta che desideri.

Ciò si rivelerà almeno potenzialmente utile per i futuri eventi live, che sono limitati nel tempo e spesso forniscono ricompense esclusive ma a volte richiedono l’utilizzo di una carta specifica che può essere trovata solo nei pacchetti. Se queste carte specifiche ora possono essere acquistate individualmente, ci saranno molti meno esempi di essere esclusi da questi eventi a causa di scelte sfortunate di bottini.

L’altro grande miglioramento di MyFaction sembra essere una reazione agli hacker. Nel gioco dell’anno scorso, MyFaction ha introdotto alcune carte speciali con abbigliamenti esclusivi, che potevano essere utilizzate solo in quella modalità. I giocatori erano arrabbiati perché coloro a cui non importava MyFaction non avevano accesso a questi nuovi abbigliamenti, quindi gli hacker hanno preso gli abiti e li hanno aggiunti alla modalità Creazioni del gioco, in modo che potessero essere scaricati.

Questa volta, questi nuovi abbigliamenti si chiamano “carte Persona” e, una volta che hai una carta Persona nella tua collezione, vengono aggiunte al roster principale del gioco come wrestler separato. Ad esempio, abbiamo sbloccato una versione speciale di Sheamus con l’abito che indossava nel 2009 ed è poi apparso nel roster del gioco principale come Sheamus 09. Lo stesso vale per alcuni dei personaggi più strani: la versione action figure di John Cena è tornata. (e può essere sbloccato con un codice armadietto), e questa volta è una Persona che può essere utilizzata in altre modalità.

Le strane action figure sono un altro esempio dell’attenzione ai dettagli del gioco. Sarebbe stato molto semplice inserirli nel gioco come skin per Cena e Rhodes e lasciare le cose come stanno, ma ognuno è incluso nel gioco come personaggio separato, con il proprio commento su misura. Seleziona la figura di Rhodes, che è basata su Rhodes durante il suo infortunio al petto, e il team di annunciatori farà notare che sebbene possa essere fatto di plastica, il livido dipinto su di lui sembra ancora doloroso.

Tutto ciò va bene, ma niente di tutto ciò è esattamente rivoluzionario. La modalità MyFaction dell’anno scorso è ovviamente in fase di esaurimento, quindi se quella era la tua modalità principale, passare a WWE 2K24 è praticamente una necessità.

Se, tuttavia, sei il tipo di persona che non si preoccupa di MyFaction o Showcase e gioca principalmente a WWE 2K23 per avere partite locali con i tuoi amici, le differenze qui saranno molto minori (a parte i nuovi tipi di partita).

C’è da dire, quindi, che chiunque sia perfettamente felice di continuare a giocare a WWE 2K23 con i propri amici può farlo senza perdere troppo. Tuttavia, non si può negare che i cambiamenti apportati sono quasi tutti positivi.

Recensione Mortal Kombat 1 – Attrazione fatale
Recensione Mortal Kombat 1 – Attrazione fatale
Recensione ad accesso anticipato di Palworld – Pokémon killer
Recensione ad accesso anticipato di Palworld – Pokémon killer
Crashlands 2, il sequel del famoso gioco di sopravvivenza fantascientifico, viene finalmente rivelato
Crashlands 2, il sequel del famoso gioco di sopravvivenza fantascientifico, viene finalmente rivelato
Fortnite dà il via agli eventi Trova la Forza con personaggi iconici della trilogia prequel di Star Wars
Fortnite dà il via agli eventi Trova la Forza con personaggi iconici della trilogia prequel di Star Wars
World of Goo arriva su dispositivi mobili in versione rimasterizzata, esclusivamente su Netflix
World of Goo arriva su dispositivi mobili in versione rimasterizzata, esclusivamente su Netflix
PUBG Mobile introduce la nuova modalità di corse fuoristrada per commemorare i prossimi 19esimi Giochi asiatici
PUBG Mobile introduce la nuova modalità di corse fuoristrada per commemorare i prossimi 19esimi Giochi asiatici
Katana Zero, l'amato platform d'azione e puzzle, verrà lanciato per dispositivi mobili su Netflix Games il prossimo anno
Katana Zero, l'amato platform d'azione e puzzle, verrà lanciato per dispositivi mobili su Netflix Games il prossimo anno
Lo studio di modellazione Pokémon subisce un importante cambio di leadership
Lo studio di modellazione Pokémon subisce un importante cambio di leadership
Niffelheim, il gioco di ruolo di sopravvivenza in 2D, fa ora parte del Google Play Pass
Niffelheim, il gioco di ruolo di sopravvivenza in 2D, fa ora parte del Google Play Pass
Final Fantasy 16: Clive batte Dante, secondo l'ex sviluppatore di Devil May Cry Ryota Suzuki
Final Fantasy 16: Clive batte Dante, secondo l'ex sviluppatore di Devil May Cry Ryota Suzuki