Bresson Game

Recensione del controller GameSir T4 Cyclone Pro – “Un controller per domarli tutti”

Recensione del controller GameSir T4 Cyclone Pro - "Un controller per domarli tutti"



Con tutti i tipi di controller di terze parti in aumento, dai design con supporti per telefono a quelli in cui il telefono si inserisce perfettamente nel controller stesso, la concorrenza può essere dura quando tutti chiedono a gran voce la stessa fetta di torta nel mercato della telefonia mobile. L’ultimo ingresso di GameSir nei controller wireless mira a fare un ulteriore passo avanti con il T4 Cyclone Pro, una nuova robusta periferica che vanta stick anti-deriva con effetto Hall per dare al tuo controller una maggiore durata.

La compatibilità multipiattaforma garantisce inoltre che non dovrai portarti dietro più controller per tutti i tuoi dispositivi portatili. Ma anche se sulla carta sembra tutto a posto, è davvero l’unico controller di cui avrai bisogno da qui in poi?

ASPETTO E SENTIMENTI DEL CONTROLLER GAMESIR T4 CYCLONE PRO

So che non dovrei giudicare le cose in base alle loro cosiddette copertine, ma il modo in cui viene presentato il T4 Cyclone Pro aggiunge davvero all’esperienza complessiva del dispositivo. In particolare, anche se non c’è niente di speciale nella scatola in sé, mi piace il minuscolo dettaglio della scatola interna che ti dice di “tirare per aprire la scatola”, come se l’apertura della confezione fosse parte delle caratteristiche del controller (lo rende sicuramente unico rispetto agli altri dispositivi che ho provato).

Detto questo, il controller stesso offre una struttura pratica e robusta che non sembra facile da smontare dopo alcuni attacchi di rabbia. Ammetto di non essere un grande fan dei tanti pulsanti (sono un giocatore semplice con desideri semplici: metti lì le tue tipiche levette analogiche e i pulsanti ABXY e sono un felice campeggiatore), ma mi piace il sensazione di clic-clacket dei pulsanti molto, moltissimo. La soddisfazione tattile è dovuta ai “microinterruttori da 5 milioni di clic” del controller, che, se abbinati ai morbidi pad, garantiscono un’esperienza di spam confortevole che risulta nitida ma comunque abbastanza ammortizzata.

Inoltre, per qualcuno i cui palmi sudano velocemente durante le sessioni più intense, apprezzo anche la presa tratteggiata attorno alle maniglie e mi piace come, a differenza di altri controller, le dimensioni dell’intero dispositivo non sembrino troppo grandi per il mio asiatico più piccolo. mani. Basti dire che non avrò alcun affaticamento del braccio giocandoci per lunghe ore (per la gioia dei miei gomiti del tennista).

PRESTAZIONI DEL CONTROLLER GAMESIR T4 CYCLONE PRO

Le stelle dello spettacolo qui sono i trigger analogici ad effetto Hall che possono eliminare efficacemente la temuta deriva dello stick. Inoltre, il T4 Cyclone Pro è dotato di funzionalità extra come la possibilità di regolare la sensibilità alle vibrazioni e la mappatura dei pulsanti, che puoi personalizzare con l’app GameSir. Per qualche motivo, però, l’app, una volta scaricata dall’App Store, mostra solo una sorta di modello “Nova” e non riesce a rilevare il mio controller. Sul mio dispositivo Android l’app non è nemmeno disponibile su Google Play.

Potrebbe trattarsi solo di una questione regionale, ma per me non è davvero un problema poiché non mi piace molto personalizzare i miei pulsanti. In effetti, spesso premo accidentalmente i 2 pulsanti Indietro che presumibilmente puoi personalizzare a tuo piacimento, quindi è meglio per me non assegnarli a nessuna azione, a dire il vero.

Ciò che mi piace del controller è che è compatibile con iOS, Android e PC, il che significa davvero che posso riporre i miei vecchi controller e mantenere questo come controller preferito. La connettività Bluetooth è però un po’ complicata, poiché tutto si riduce alla memorizzazione di quale combinazione di pulsanti accoppia il T4 Cyclone Pro con quale dispositivo.

C’è un manuale, ovviamente, ma viene presentato con questo enorme pezzo di carta che onestamente mi ha fatto sentire come se stessi navigando su una mappa vecchia scuola con tutte le molte pieghe e la goffaggine del tutto (goffamente sono riuscito persino a strappare una certa sezione mentre si fatica a spiegarla nella sua dimensione completa). L’indicatore colorato sul pulsante Home principale ti dice a quale dispositivo sei connesso, ma è ancora questione di capire e ricordare quale pulsante tenere premuto insieme quando ti connetti a un determinato dispositivo.

QUAL È L’APPELLO?

Vorrei che ci fosse un indicatore più ovvio che ti dice dove sei connesso, ma una volta capito l’accoppiamento iniziale, non ho riscontrato alcun problema durante il gioco. Il dongle wireless a bassa latenza fornito nella confezione è anche solo un semplice affare plug-and-play senza bisogno di installazioni contorte: un’opzione conveniente che torna utile quando non puoi preoccuparti di memorizzare quegli indicatori di colore.

Naturalmente, nel peggiore dei casi, puoi sempre collegare il controller tramite il cavo USB-C incluso, che funge anche da cavo di ricarica. Dove si trova la porta USB-C c’è la scanalatura per il supporto del telefono, che, sebbene sia qualcosa che devi acquistare separatamente, aggiunge una simpatica opzione per te se preferisci montare il telefono sul controller anziché utilizzare il Bluetooth.

Rispetto al controller Bluetooth 8BitDo Ultimate, il T4 Cyclone Pro non è così elegante e minimalista come vorrei. A £ 55,99, non c’è nemmeno un dock di ricarica o un modo per riporre il dongle wireless per giocare in movimento. Tuttavia, secondo me, supera l’8BitDo con la sua funzionalità multipiattaforma e quella flessibilità della scanalatura in cui puoi eventualmente montare il tuo telefono.

Alla fine, anche se non massimizzerò le funzionalità di personalizzazione del controller poiché non ne ho davvero bisogno, avere la possibilità di passare da un dispositivo all’altro con un solo controller è già un grosso problema, soprattutto per un giocatore mobile.

LINK ACQUISTO: Amazon

La PS5 Slim è ufficiale e costa esattamente come l'originale
La PS5 Slim è ufficiale e costa esattamente come l'originale
A Tiny Sticker Tale, un gioco di avventura in miniatura di prossima uscita, uscirà su dispositivi mobili tra poche settimane
Programma AGDQ 2024: ora con un cane da corsa veloce
Programma AGDQ 2024: ora con un cane da corsa veloce
Anteprima avvolta - Sopravvivere è più facile
Anteprima avvolta - Sopravvivere è più facile
La popolarità di No Man's Sky aumenta vertiginosamente nonostante la concorrenza di Starfield
La popolarità di No Man's Sky aumenta vertiginosamente nonostante la concorrenza di Starfield
Assassin's Creed Mirage in arrivo a ottobre
Assassin's Creed Mirage in arrivo a ottobre
Microsoft fa trapelare Nintendo Switch 2 mentre FTC giura di appellarsi alla sentenza del tribunale
Microsoft fa trapelare Nintendo Switch 2 mentre FTC giura di appellarsi alla sentenza del tribunale
Godzilla, Evangelion, Pro Wrestling e altro: l'ispirazione dietro Eikon Combat di Final Fantasy 16
Godzilla, Evangelion, Pro Wrestling e altro: l'ispirazione dietro Eikon Combat di Final Fantasy 16
Lego Piranha Plant è l'ultimo set Nintendo per collezionisti adulti
Lego Piranha Plant è l'ultimo set Nintendo per collezionisti adulti
Guarda la prima esplosiva sequenza di gioco di Marvel's Spider-Man 2
Guarda la prima esplosiva sequenza di gioco di Marvel's Spider-Man 2