Bresson Game

Recensione: The Making of Karateka è un documentario interattivo superbamente curato

Recensione: The Making of Karateka è un documentario interattivo superbamente curato


Negli ultimi anni, Digital Eclipse ha consolidato il suo status di sviluppatore ed editore leader di compilation retrò.

Mentre alcuni altri studi si accontentano di raccogliere un mucchio di ROM di giochi e di raggrupparli con un emulatore rudimentale, Digital Eclipse supporta i suoi giochi con una ricchezza di funzionalità e materiali supplementari, al punto che anche se non ti interessa che i giochi vengano presente in una delle sue compilation, faresti comunque bene a prenderlo.

L’apice dei successi di Digital Eclipse fino ad oggi è stato Atari 50, un viaggio sbalorditivo attraverso la storia di Atari che si svolge su una serie di linee temporali interattive e contiene interviste video, immagini di alta qualità e non meno di 103 giochi Atari da giocare.

La struttura di Atari 50 era così ben realizzata che Digital Eclipse ha saggiamente deciso di replicarla per la Gold Master Series, una nuova linea di titoli che prende titoli individuali e dà loro il trattamento da “museo interattivo” come visto in Atari 50.

Il primo di questi è The Making of Karateka, basato sul primo gioco pubblicato dal creatore di Prince of Persia Jordan Mechner. E se è un indicatore di come andrà il resto della Gold Master Series, gli appassionati di giochi retrò dovrebbero essere estremamente entusiasti.

Ciò che ottieni per $ 19,99 / £ 16,74 è, proprio come in Atari 50, una serie di linee temporali che seguono la storia dei momenti chiave nella realizzazione del gioco. Il primo riguarda Deathbounce, il primo gioco importante che Mechner tentò (e alla fine non riuscì) a pubblicare.

La seconda sequenza temporale copre le prime fasi di pianificazione di Karateka, la terza esamina da vicino la tecnica di animazione rotoscoping utilizzata per il gioco, la quarta si concentra sul marketing globale ricevuto dal gioco, la sequenza temporale finale esamina Karateka II, il mai- seguito rilasciato.

Avviso: Per visualizzare questo incorporamento, consenti l’uso dei cookie funzionali nelle Preferenze cookie.

Il termine “museo interattivo” è usato molto per le compilation retrò – dopotutto lo abbiamo già usato in questa recensione – ma la struttura della sequenza temporale utilizzata in The Making of Karateka (e Atari 50 prima) sembra davvero del tipo di cose che vedresti in una mostra speciale a tempo limitato in un museo dei media.

Fortunatamente per il nostro bene, Mechner ha conservato una grande quantità di materiale nel corso degli anni, il che significa che queste linee temporali sono piene di foto di famiglia, documenti di progettazione, passaggi del suo diario e copie di lettere delle sue conversazioni avanti e indietro con l’editore Broderbund.

Questi sono anche accompagnati da circa 15 video contenenti interviste ad altri luminari dei videogiochi, ma incentrati principalmente su una conversazione tra Mechner e suo padre Francis, la cui capacità di rievocare i ricordi degli inizi della carriera di suo figlio circa 40 anni fa è commovente.

Il pezzo forte del pacchetto è un’altra sequenza sorprendentemente sentita. La prima sequenza temporale, incentrata sul gioco inedito di Mechner Deathbounce, è uno sguardo affascinante sull’evoluzione di un gioco dall’idea all’abbandono.

Brillantemente, Mechner ha conservato i suoi dischi prototipo di Deathbounce per tutti questi anni, e la compilation ti consente non solo di vederli ma anche di riprodurli, offrendo un modo davvero coinvolgente di seguire l’avanzamento del gioco.

Dal primo prototipo, che sembra niente più che un semplice knock-off di Asteroids, leggerai le lettere di Mechner a Broderbund e il feedback che gli hanno inviato, e giocherai alle numerose iterazioni che sarebbero seguite come risultato di queste conversazioni.

È davvero affascinante vedere Mechner cercare di tenere conto delle note dell’editore cercando allo stesso tempo di mantenere intatti gli elementi del suo design originale. È uno sguardo nel dettaglio a uno sviluppatore diciottenne che cerca di mettere a punto la formula. Puoi vedere quando è testardo, puoi individuare il momento in cui rende il gioco troppo complicato, ma man mano che il gioco prende forma non puoi fare a meno di fare il tifo per lui, anche se l’intro ti dice già che non sarebbe mai successo.

E poi, brillantemente, la prima sequenza temporale si conclude con Deathbounce: Rebounded, una versione moderna del gioco sviluppata da Digital Eclipse con il contributo di Mechner. Non solo questa versione “finale” è una gioia da giocare, ma è difficile non provare una sensazione di calore alla realizzazione che, dopo aver ricevuto tutte quelle lettere di rifiuto più di quattro decenni fa, il gioco del diciottenne Mechner è stato finalmente completato e pubblicato poco prima dei suoi 60 anni.

In tutto, ci sono 14 software con cui giocare in questa raccolta, ma data la natura del pacchetto questi non sono 14 giochi separati, sono approfondimenti su una manciata di titoli specifici.

“In tutto, ci sono 14 software con cui giocare in questa raccolta, ma data la natura del pacchetto questi non sono 14 giochi separati, sono approfondimenti su una manciata di titoli specifici.”

Oltre ai quattro prototipi di Deathbounce e al modernizzato Deathbounce: Rebounded, ci sono anche due primissimi giochi realizzati da Mechner per Apple II, Asteroid Blaster e Star Blaster.

Karateka è ovviamente l’inizio dello spettacolo qui e, oltre a tre prototipi in varie fasi di completamento, riceverai anche le versioni finali del gioco per Apple II, Commodore 64 e Atari a 8 bit, nonché Karateka Remastered, un altro rinnovamento di Digital Eclipse. .

Non è privo di difetti. Naturalmente, la decisione di concentrarsi su un singolo gioco (beh, due giochi se conti Deathbounce) significa che non sarebbe mai stato così diversificato come Atari 50 con i suoi 103 titoli giocabili, quindi se non l’hai raccolto ti consigliamo probabilmente lo consiglio come punto di partenza prima di passare a questo se ami la struttura.

Un’altra cosa frustrante è la pessima grafia di Mechner. Sono inclusi moltissimi documenti di progettazione, il che è una vera delizia, ma alcuni di essi sono praticamente impossibili da leggere e avrebbero tratto grande beneficio da didascalie opzionali che chiarissero ciò che dice.

Naturalmente, c’è anche la questione dello stesso Karateka, che essendo un gioco di combattimento vecchio di quasi 40 anni potrebbe non reggere del tutto i gusti moderni di alcuni giocatori.

Nel momento in cui raggiungi il gioco nella sequenza temporale, la maggior parte sarà già investita in esso, e si spera che la maggior parte dei giocatori impegnati in software come questo accettino che il contesto è fondamentale, ma va comunque detto che concentrarsi su un singolo gioco è è sempre una scommessa se il giocatore finisce per non fare clic su quel gioco.

In definitiva, però, come primo capitolo di quella che si spera sarà una lunga serie, The Making of Karateka è un modo affascinante di presentare la storia di un singolo gioco. A $ 20 anche il prezzo è giusto, il che rende difficile rifiutare una proposta per chiunque sia interessato alla storia del mezzo.

 Nascosti nel tempo 2: Miti e magia!  recensione - "Un'accogliente avventura magica"
Nascosti nel tempo 2: Miti e magia! recensione - "Un'accogliente avventura magica"
Spider-Man 2 dura solo 15 ore e iniziano le discussioni tra i fan
Spider-Man 2 dura solo 15 ore e iniziano le discussioni tra i fan
EA Sports FC 24: è stato un successo e la gente ci gioca ancora?
EA Sports FC 24: è stato un successo e la gente ci gioca ancora?
Helldivers 2 suscita scalpore poiché i giocatori PC sono costretti a collegare l'account PlayStation
Helldivers 2 suscita scalpore poiché i giocatori PC sono costretti a collegare l'account PlayStation
I leak di Helldivers 2 rivelano buggy e APC in stile Halo, oltre a nuove armi
I leak di Helldivers 2 rivelano buggy e APC in stile Halo, oltre a nuove armi
Palia Preview - Building A New Life
Anteprima Palia - Costruire una nuova vita
Secondo quanto riferito, il film Detective Pikachu 2 si sta avvicinando alla realtà
Secondo quanto riferito, il film Detective Pikachu 2 si sta avvicinando alla realtà
Lucid Lenses è un'avventura narrativa sull'amore, il crepacuore e tutto il resto, ora in accesso anticipato
Lucid Lenses è un'avventura narrativa sull'amore, il crepacuore e tutto il resto, ora in accesso anticipato
Starfield: Come scassinare e sfondare le porte
Starfield: Come scassinare e sfondare le porte
Recensione Iris and the Giant (Utomik) - "Gameplay coinvolgente, una storia ancora più avvincente"
Recensione Iris and the Giant (Utomik) - "Gameplay coinvolgente, una storia ancora più avvincente"
الإعلان رسميًا عن جزء جديد للعبة lords of the fallen. Benefits of playing arcade games.