Bresson Game

Recensione: Mortal Kombat 1 è un altro eccezionale combattente del 2023

Recensione: Mortal Kombat 1 è un altro eccezionale combattente del 2023


30 anni fa, il genere dei giochi di combattimento era al suo apice.

Il 1993 vide l’uscita per console domestiche di Street Fighter II Turbo e del primo Mortal Kombat, mentre le sale giochi ricevettero i loro successori Super Street Fighter II e Mortal Kombat II. Quando le persone parlano della rivalità tra Street Fighter e Mortal Kombat, il 1993 è l’anno esatto a cui tendono a fare riferimento.

Forse è giusto, quindi, che esattamente tre decenni dopo entrambe le serie siano tornate con una vendetta. Solo pochi mesi fa, Capcom ha pubblicato probabilmente il miglior gioco di Street Fighter fino ad oggi. Ora, con Mortal Kombat 1, crediamo che NetherRealm abbia ottenuto lo stesso risultato con la propria serie.

Fondamentalmente, Mortal Kombat 1 non è molto diverso dal suo predecessore, Mortal Kombat 11. Le meccaniche di combattimento di base sono simili, quindi chiunque abbia familiarità con uno qualsiasi dei due titoli precedenti dovrebbe sentirsi immediatamente a suo agio con i controlli e l’atmosfera generale qui. .

Ci sono ovviamente alcune modifiche per rinfrescare un po’ le cose e garantire che non sia una replica completa dell’ultimo gioco, ma per la maggior parte è tutto come al solito. Niente di tutto questo era comunque particolarmente rotto, quindi siamo felici che NetherRealm abbia scelto di non scherzare troppo con quella che era già una formula vincente.

“In ogni caso, niente di tutto questo era particolarmente rotto, quindi siamo felici che NetherRealm abbia scelto di non scherzare troppo con quella che era già una formula vincente.”

Un’eccezione a ciò è l’introduzione del sistema Kameos, in cui i giocatori possono scegliere un personaggio secondario da tenere fuori dallo schermo. Premendo il pulsante RB/R1 da solo o con Sinistra o Destra, puoi chiedere al tuo Kameo di saltare dentro ed eseguire una delle tre mosse speciali.

Non è l’idea più originale del mondo, come può attestare chiunque abbia mai giocato a un gioco Marvel vs Capcom, ed è apparsa anche brevemente nella modalità Torri del tempo di Mortal Kombat 11, dove alcuni avversari avevano dei partner che potevano intervenire.

La sua introduzione completa nella serie, tuttavia, aggiunge un nuovo livello di possibilità strategica, poiché i giocatori ora possono decidere quando inviare il proprio partner per aiutarlo a uscire da un guaio o aggiungere ulteriore potenza di fuoco a una sequenza offensiva.

Avviso: Per visualizzare questo incorporamento, consenti l’uso dei cookie funzionali nelle Preferenze cookie.

Un altro elemento che ha visto qualche miglioramento è il dettaglio visivo. Mortal Kombat 11 non è stato certamente trascurato nel reparto grafico, ma questo primo vero passo avanti verso la prossima generazione di console ha portato a sfondi molto più dettagliati, che lasciano a bocca aperta in 4K con HDR attivato.

Altri aspetti sono migliorati in modo meno evidente, ma ciò è dovuto principalmente al fatto che erano così efficaci l’ultima volta: sebbene i modelli dei personaggi siano straordinariamente intricati, è difficile vedere una differenza enorme nelle loro animazioni facciali quando erano già così realistici prima.

Queste animazioni facciali vengono mostrate al meglio nella modalità Storia del gioco, che rende omaggio al titolo del gioco tornando all’inizio e presentandoci una trama dell’universo alternativo, che essenzialmente serve come una riscrittura completa dei primi giochi di Mortal Kombat.

Ad esempio, senza addentrarci troppo nel territorio degli spoiler, i primi capitoli della modalità Storia ci mostrano Shang Tsung e Raiden, due dei personaggi più potenti della tradizione di Mortal Kombat, in ruoli inizialmente meno potenti di quanto siamo abituati a vederli. In.

È una delle migliori modalità Storia a cui abbiamo giocato in un gioco di Mortal Kombat, e la decisione di riportare le cose alle origini gioca davvero a suo favore.

Il gioco originale era un omaggio alle arti marziali e ai film di kung fu: non è una coincidenza che personaggi del calibro di Johnny Cage, Liu Kang e Sonya Blade somigliassero più che vagamente a Jean-Claude Van Damme, Bruce Lee e Cynthia Rothrock.

È bello, quindi, vedere la modalità Storia di Mortal Kombat 1 ritornare (almeno inizialmente) a quella semplice idea di un torneo di combattimento tra Earthrealm e Outworld, con molta influenza asiatica nello sfondo e nella colonna sonora.

Di conseguenza, i fan di lunga data della serie, specialmente quelli che potrebbero aver abbandonato nel corso degli anni perché sentivano di perdere traccia della trama progressivamente più complicata, adoreranno il modo in cui questo gioco ripristina tutto e si concentra principalmente sulla trilogia originale.

“È una delle migliori modalità Storia a cui abbiamo mai giocato in un gioco di Mortal Kombat, e la decisione di riportare le cose alle origini gioca davvero a suo favore.”

Con le ultime uscite di Mortal Kombat la situazione era che la modalità Storia era eccellente, ma non c’era alcun motivo reale per ritornarci una volta completata. In questo caso è ancora così, ma almeno questa volta Mortal Kombat 1 ha una nuova modalità progettata per tenere occupati i singoli giocatori molto tempo dopo il lancio dei titoli di coda della storia.

La modalità Invasioni è un’avventura per giocatore singolo straordinariamente approfondita, esplorata attraverso una prospettiva quasi in stile gioco da tavolo. I giocatori si fanno strada, spazio dopo spazio, attraverso una varietà di luoghi, iniziando dall’enorme villa di Johnny Cage. Lungo la strada raccoglieranno oggetti, visiteranno negozi e, cosa più importante, affronteranno una varietà di combattenti, molti dei quali presentano condizioni o modificatori diversi per mescolare le cose.

Alcuni avversari combattono con un certo stile elementale, che rende i loro attacchi più potenti contro altri stili. I giocatori possono passare a un combattente diverso in qualsiasi punto della schermata della mappa per contrastare questo problema, il che significa che la modalità Invasioni non consiste semplicemente nel scegliere il proprio personaggio preferito e restare con lui, ma incoraggia invece la sperimentazione con l’intero roster del gioco.

Invasions fornisce anche una serie di oggetti sbloccabili mentre giochi ed è scritto brillantemente con numerosi easter Egg per gli irriducibili di Mortal Kombat. Inoltre, anche se è abbastanza lungo così com’è, NetherRealm prevede di aggiornarlo con il lancio di ogni nuova stagione, con l’obiettivo generale di far durare la modalità Invasioni fino alla fine della vita naturale del gioco, piuttosto che semplicemente finire in questione di ore come la modalità Storia.

Aggiungete a questo le solite Torri, che sono state un punto fermo di Mortal Kombat sin dal gioco originale e piacciono a coloro che vogliono semplicemente scegliere un combattente e cacciare pezzi da un flusso costante di avversari, e avrete un brillante trio di modalità. progettato per mantenere occupati i giocatori solisti per un tempo estremamente lungo.

Naturalmente, è possibile trovare anche il multiplayer online, ma al momento della stesura di questa recensione il periodo di accesso anticipato del gioco doveva ancora essere lanciato, il che significa che trovare battaglie durante il periodo di recensione è stata un’operazione dispendiosa in termini di tempo. Naturalmente, non pensiamo nemmeno per un secondo che ciò accadrà una volta lanciato il gioco.

Una volta che il multiplayer sarà effettivamente ben popolato, c’è una modalità Kombat League che si rinnova ogni stagione e consente ai giocatori di sbloccare ricompense speciali combattendo per scalare le classifiche, il che significa che anche coloro che preferiscono giocare online avranno molto da tenersi occupati.

L’unico vero aspetto negativo che si potrebbe puntare a Mortal Kombat 1 è che ha ancora valuta premium che viene utilizzata per acquistare determinate cose nel negozio del gioco.

C’è un negozio separato per gli “Articoli stagionali”: contiene oggetti che possono essere acquistati ogni stagione con la valuta guadagnata eseguendo missioni giornaliere e settimanali. Ci sono circa 130 oggetti nella Stagione 1 e non sembra esserci alcun livello premium di cui parlare, quindi sono tutti apparentemente disponibili attraverso il gioco invece di spendere soldi extra.

Forse non sorprende, tuttavia, che gli abiti più belli, come il superbo Dia de Muertos Sub-Zero, si trovino nel negozio Premium Items, che vende oggetti in cambio di una valuta premium chiamata Dragon Krystals. È un raro aspetto negativo in un gioco che consiste quasi interamente in momenti di benessere.

A parte le tipiche sciocchezze delle microtransazioni cosmetiche, questo gioco rappresenta per la serie Mortal Kombat ciò che Street Fighter V rappresentava per il franchise di Capcom.

“A parte le tipiche sciocchezze delle microtransazioni cosmetiche, questo gioco sta alla serie Mortal Kombat come Street Fighter V sta al franchise di Capcom.”

È un gioco che riesce a basarsi su tutto ciò che lo ha preceduto, presentandolo allo stesso tempo in un modo che piacerà ai fan decaduti della serie, quelli che hanno ancora il codice sanguigno ABACABB dell’originale Mega Drive / Genesis impresso nel loro cervello ma non riconoscerebbero Kotal Kahn se gli strappasse la spina dorsale.

Offre un sistema di combattimento profondamente soddisfacente – scusate, “kombat system” – che premia sia il gioco abile che la pressione dei pulsanti, è uno dei giochi di combattimento più belli che abbiamo mai visto e ha così tanti contenuti – urgh, “kontent” ‘ – che i giocatori saranno occupati per un lungo periodo di tempo prima ancora che la struttura della stagione venga presa in considerazione.

Quella iniziale rivalità tra Street Fighter e Mortal Kombat del 1993 resterà sempre considerata uno degli scontri più iconici nella storia dei videogiochi. Ma 30 anni dopo, i fan di entrambi possono ora affermare seriamente che nel 2023 ciascuno di loro ha ricevuto il miglior gioco delle rispettive serie.

Metafora: Anteprima ReFantazio - Un nuovo mondo di fantasia
Metafora: Anteprima ReFantazio - Un nuovo mondo di fantasia
Gli sviluppatori di Hellblade 2 non verranno chiusi: il prossimo gioco ha già il via libera
Gli sviluppatori di Hellblade 2 non verranno chiusi: il prossimo gioco ha già il via libera
La data di uscita del trailer di GTA 6 è prevista per martedì prossimo, lo conferma Rockstar Games
La data di uscita del trailer di GTA 6 è prevista per martedì prossimo, lo conferma Rockstar Games
Love and Deepspace offre ai fan di Xavier ricordi limitati, una nuova narrativa e altro ancora nell'ultimo aggiornamento
Love and Deepspace offre ai fan di Xavier ricordi limitati, una nuova narrativa e altro ancora nell'ultimo aggiornamento
Primi dettagli e screenshot esclusivi di Teenage Mutant Ninja Turtles: Mutants Unleashed
Primi dettagli e screenshot esclusivi di Teenage Mutant Ninja Turtles: Mutants Unleashed
 Dai un'occhiata a Concord, il prossimo sparatutto con eroi 5v5 di PlayStation |  Nuovo gameplay oggi
Dai un'occhiata a Concord, il prossimo sparatutto con eroi 5v5 di PlayStation | Nuovo gameplay oggi
 Guardia rotonda |  Giocatore tascabile
Guardia rotonda | Giocatore tascabile
Recensione: The Making of Karateka è un documentario interattivo superbamente curato
Recensione: The Making of Karateka è un documentario interattivo superbamente curato
I sette peccati capitali: Gran Croce dà il benvenuto al nuovo anno [Era's End] Re Demone Meliodas e altro ancora
I sette peccati capitali: Gran Croce dà il benvenuto al nuovo anno [Era's End] Re Demone Meliodas e altro ancora
The Wreck, un'emozionante visual novel in 3D lanciata con grande successo di critica all'inizio di quest'anno, arriverà presto sui dispositivi mobili
The Wreck, un'emozionante visual novel in 3D lanciata con grande successo di critica all'inizio di quest'anno, arriverà presto sui dispositivi mobili
الكشف رسميًا عن ألعاب game pass للنصف الأول من شهر يونيو. Benefits of playing arcade games.