Bresson Game

Anteprima di The Pirate Queen: una leggenda dimenticata: fare luce da una nuova prospettiva

Anteprima di The Pirate Queen: una leggenda dimenticata: fare luce da una nuova prospettiva


Quando pensi ai pirati, potrebbero venire in mente pilastri della storia come Barbanera insieme all’immaginario Jack Sparrow. Un nome importante ma spesso dimenticato, tuttavia, è Cheng Shih. Non solo Cheng Shih è uno dei pirati di maggior successo della storia, ma è anche la donna che ha preso il comando dell’armata di pirati del defunto marito Zheng Yi Sao dopo la sua morte, mettendola al controllo indiretto di oltre 40.000 pirati per un periodo di quasi dieci anni in Acque cinesi all’inizio del XIX secolo. Mentre la storia di Shih può essere trovata sulle pagine di libri e altrove, Singer Studios mira a dare vita alla sua storia in VR.

Ambientato nel corso di una sola notte – la notte in cui Shih salì al potere, aprendole la strada alla creazione di un codice di leggi per uomini e donne da trattare equamente sulle sue navi – The Pirate Queen: A Forgotten Legend mette i giocatori nei panni di err stivali, di Shih nei dispositivi PC VR e Meta Quest 2 l’anno prossimo. Durante una demo di gioco privata, ho un assaggio di questa esperienza VR, che segue il percorso dei giochi VR in stile escape room piuttosto che quello con armi da fuoco e pesanti. Il suo approccio silenzioso e metodico al gameplay è allettante, anche senza indossare le cuffie per sperimentarlo di persona. Sono particolarmente interessato al focus del team sulla storia di Shih e all’ambientazione di questo gioco VR in una sola notte della sua vita. Mi è stato detto di non aspettarmi enormi battaglie piene di pirati, ma piuttosto l’intensità emotiva che Shih avrebbe potuto provare quella notte.

“Veniamo dal cinema, quindi la realtà virtuale è un bel trampolino di lancio per noi”, mi dice il CEO e direttore creativo di Singer Studios Eloise Singer. “Ogni livello ha un aspetto di fuga; volevamo evitare di essere uno sparatutto o un gioco di combattimento, sfidandoti a essere intelligente quanto lo era lei, usando il suo intelletto per superare in astuzia tutti.”

Questo intelletto e il fatto che la storia di Shih sia in gran parte sconosciuta nel mondo della pirateria hanno attratto Singer e Singer Studios all’idea di The Pirate Queen. Questa è una storia a cui Singer pensa da sei anni.

Singer Studios ha pubblicato The Last Rifleman, con Pierce Brosnan (007 Tomorrow Never Dies, Mamma Mia) proprio il mese scorso, e Rare Beasts, con Billie Piper (Doctor Who, Penny Dreadful) e Lily James (Cenerentola, Baby Driver) nel 2021. ha lavorato con aziende come Amazon su progetti e anche altri. The Pirate Queen è nato ai Singer Studios come idea cinematografica, ma dopo l’incontro con l’ex capo di PlayStation London Studio David Ranyard, le cose sono cambiate.

“Era tipo, ‘Sarebbe un gioco fantastico’”, dice Singer. In particolare, PlayStation London Studio è il team dietro PlayStation VR Worlds e Blood & Truth on VR: è facile capire come The Pirate Queen sia diventato un gioco VR. Ma Singer dice che non avrebbe mai immaginato di provare a creare un gioco, accantonando l’idea per un po’. Dopo la pandemia, però, in un momento in cui le produzioni cinematografiche in tutto il mondo si sono fermate, Singer ha chiamato Ranyard e ha detto che voleva trasformare The Pirate Queen in un gioco. Il team ha ottenuto finanziamenti per creare un prototipo, è cresciuto fino a includere personale aggiuntivo e ha vinto premi, tra cui “Miglior debutto” al Raindance Film Festival.

Da lì, Singer Studios ha mostrato a Meta il prototipo, che mi è stato detto fosse un’esperienza in una stanza singola con leggeri elementi puzzle. L’azienda l’ha apprezzato e, alla prima chiamata, ha detto allo studio che voleva trasformarlo in un progetto completo. The Pirate Queen debutterà su Meta Quest 2 e altri dispositivi PC VR il prossimo anno, più di quattro anni dopo l’inizio del suo sviluppo.

Il direttore creativo Eloise Singer e l’attrice protagonista Lucy Liu

Quando chiedo a Singer perché The Pirate Queen dovesse essere un’esperienza VR, la sua risposta è semplice: “Ho sempre desiderato essere un pirata”.

“Così egoisticamente, penso, ‘Voglio creare un gioco di pirati perché potrò essere un pirata’, e sembra che tutta la nostra squadra sia così”, aggiunge. “Ma penso che allo stesso tempo, quando ho sentito per la prima volta la sua storia, è stata una di quelle, ‘Sono così scioccato di non sapere di questo pezzo di storia’, e mi sono sentito davvero obbligato a far sì che tutti dovessero farlo”. saperne di più su questo periodo storico e su quanto fosse importante questa donna. E non è nemmeno solo il fatto che fosse una pirata, ma in realtà era la pirata più potente di tutti i tempi e ha letteralmente aperto la strada all’uguaglianza.

“Più la esaminavo, più mi interessava questa storia, e sentivo che avrebbe potuto creare un gioco fantastico. Volevo davvero raccontarla, e penso che quando senti che c’è una convinzione fondamentale per cui vuoi raccontarla la storia, è una specie di forza trainante per voler creare qualsiasi cosa.”

La cantante dice che inizialmente il suo pubblico target per The Pirate Queen erano le donne, forse nella fascia di età compresa tra i 16 ei 35 anni. Ma man mano che sempre più persone giocavano e testavano il gioco, il divario di età si allargava dai bambini più piccoli agli anziani, e il genere scompariva. “È per tutti”, dice. “È un progetto davvero bellissimo perché sembra molto inclusivo in questo senso.”

In una nota simile, Singer mi dice che il team ha impiegato molto tempo per assicurarsi che fosse il più culturalmente sensibile e accurato possibile, imparando a conoscere la cultura cinese, la Cina del XIX secolo, consultando e lavorando con persone di origine cinese e altro ancora. La collaborazione con esperti cinesi è il motivo per cui The Pirate Queen presenta legno laccato rosso correttamente esposto a bordo delle navi, opere d’arte specifiche dell’epoca, calligrafia accurata per il periodo di tempo e tappetini adeguatamente intrecciati sui pavimenti delle navi.

L’artista principale Will Brosch descrive The Pirate Queen come un’esperienza che mette tutta la mente sopra i muscoli. “Stai sconfiggendo i tuoi avversari in senso diplomatico, ma ciò non significa che non ti sporchi le mani in altri modi”, dice.

Questo è chiaro dalla demo di 20 minuti che ho guardato. Non ci sono spade che si scontrano ed esplosivi con polvere da sparo che illuminano l’orizzonte – Brosch dice che non ci sono combattimenti corpo a corpo nel gioco, anche se stuzzica l’uso dei cannoni – ma piuttosto piccoli enigmi da risolvere. Un esempio è la porta con serratura nella cabina del capitano a bordo della nave che un tempo era di Sao. Vari simboli contrassegnano la serratura e, dopo aver lanciato alcuni sassi contro alcune ceramiche sopra un armadietto, il giocatore scopre altri simboli sul muro. Allineano i simboli sulla serratura con quelli sul muro per aprirla e attraversare la porta.

“Ci sono molti enigmi cognitivi”, spiega Brosch. “La sceneggiatura è piuttosto narrativa, si ricollega al nostro background cinematografico, e si tratta di trovare un gameplay che si adatti alla sceneggiatura.”

Ciò evidenzia l’approccio narrativo di Singer Studio a The Pirate Queen, che è vitale perché la storia di Shih è importante da raccontare in un panorama intriso di pirateria guidata dagli uomini, che si tratti di giochi, film, programmi TV o libri. Singer mi dice che questo approccio ha aiutato la squadra ad ottenere l’attrice Lucy Liu (Kill Bill: Volume 1, Charlie’s Angels) come produttrice esecutiva e la voce della regina dei pirati titolare.

“Dopo che siamo stati accettati [the Tribeca Film Festival], abbiamo contattato il suo team e abbiamo detto: “Stiamo sviluppando questo progetto ed è davvero entusiasmante. È qualcosa con cui sarebbe interessata a partecipare?”, afferma Singer. “E il suo team ha risposto molto calorosamente al progetto e ha detto: ‘Questa storia è incredibile.'”

La cantante dice che non è una storia di cui Liu era a conoscenza e non poteva credere che fosse reale. Ora, è la voce di Shih ed è a bordo presumibilmente per aiutare la squadra a dare corpo a questo universo. Il gioco Pirate Queen VR è solo l’inizio. Ci sono piani per un prossimo film sulla scia di un film biografico, una graphic novel, un podcast e una serie TV con lo studio cinese Seesaw Films, con sede a Pechino, che è dietro The Farewell del 2019 con Awkwafina (Crazy Rich Asians, Shang- Chi).

Lucy Liu registra la voce fuori campo per il gioco

“Penso che rifletta lo studio, i nostri valori e i nostri fondamenti, ovvero che siamo transmediali”, afferma Singer. “L’idea è che vogliamo raccontare storie a pubblici diversi su piattaforme diverse.”

Per quanto riguarda le differenze tra la produzione VR e la realizzazione di un film, la produttrice immersiva Siobhan McDonnell afferma che il contrasto più grande riguarda l’autonomia. “Dove vuoi i tuoi vincoli?” lei chiede. “L’autonomia del giocatore riguarda l’illusione di poter andare dove vuole in questo mondo narrativo, ma in realtà, in termini di design, vuoi che il giocatore raggiunga determinati obiettivi. È questa bellissima fusione di “Vai ad esplorare e sii libero, ma vogliamo che tu faccia questa parte del gioco.’ E penso che mescolare queste due cose possa essere difficile perché è necessario che tutto sia nascosto.”

McDonnell e Brosch menzionano le briciole di pane come un modo per farlo: riflessi luminosi sugli oggetti richiesti, segnali luminosi, suoni e narrazione nel mondo di Shih sono tutti modi per guidare il giocatore verso il sentiero d’oro. Brosch aggiunge che i giocatori sono più inclini a sentirsi sopraffatti in VR che in altri giochi e che nello sviluppo VR è fondamentale trovare modi per prevenirlo, per non rischiare di perdere il giocatore. Singer afferma che i test hanno aiutato molto il team in questo senso, ed è un aspetto dello sviluppo del gioco che è entusiasta di introdurre nella produzione cinematografica dello studio.

I test hanno aiutato il team a combattere la potenziale chinetosi che accompagna ogni progetto VR. Il programmatore Hankun Yu afferma di non soffrire mai di chinetosi in VR, ma in un segmento del gioco ora tagliato in cui i giocatori si dondolavano su una corda per passare da una nave all’altra, aveva raggiunto la nausea “6 su 10” . Una volta risolto il problema della cinetosi in The Pirate Queen (devo credere alla parola del team finché non potrò giocarci io stesso) Yu è entusiasta che un giorno le persone colleghino questa storia storica a qualcosa su cui ha lavorato concretamente.

Con l’arrivo del rilascio all’inizio del prossimo anno, il team è entusiasta che arrivi nelle mani dei giocatori.

“Come artista, spero sempre che il giocatore, soprattutto in VR, si tolga il visore e si renda conto di aver dimenticato dove si trovava e di essere totalmente immerso nel mondo”, afferma Brosch. McDonnell mi dice che vuole solo che i giocatori si sentano dei tosti.

Mi piace la demo che mi viene mostrata di The Pirate Queen, e mi piace altrettanto parlare con il team dietro di essa. Singer, Brosch e gli altri con cui parlo sono appassionati della storia di Shih e la portano in vita in modo rispettabile ed emozionante attraverso la realtà virtuale. È difficile dire quanto sia piacevole sperimentarlo senza provare direttamente, ma ciò che ho visto e sentito mi entusiasma di farlo quando verrà lanciato l’anno prossimo.

Il direttore creativo Eloise Singer e l’attrice protagonista Lucy Liu

“Che la gente dica: ‘Non avevo idea di quella storia, era fantastica, era così divertente’, è tutto ciò che voglio,” mi dice Singer. “Stiamo creando qualcosa per far luce sulla storia e su una donna che la gente non conosce.”

Il gioco Star Wars Mandalorian in lavorazione al rapporto sui reclami di Respawn
Il gioco Star Wars Mandalorian in lavorazione al rapporto sui reclami di Respawn
Nessun riposo per il malvagio sviluppatore Moon Studios sul perché lo sviluppo remoto è la chiave del suo successo
Nessun riposo per il malvagio sviluppatore Moon Studios sul perché lo sviluppo remoto è la chiave del suo successo
Here’s the first trailer for the post-Ash era Pokémon anime
Ecco il primo trailer dell'anime Pokémon post-era Ash
Recensione Pipunka the Jumper - "Troppa sfida, troppo poco divertimento"
Recensione Pipunka the Jumper - "Troppa sfida, troppo poco divertimento"
Godzilla, Evangelion, Pro Wrestling e altro: l'ispirazione dietro Eikon Combat di Final Fantasy 16
Godzilla, Evangelion, Pro Wrestling e altro: l'ispirazione dietro Eikon Combat di Final Fantasy 16
Il nuovo controller Xbox Remix è fatto di CD rotti e fari di automobili
Il nuovo controller Xbox Remix è fatto di CD rotti e fari di automobili
Recensione: Assassin's Creed Mirage è un emozionante ritorno al periodo d'oro della serie
Recensione: Assassin's Creed Mirage è un emozionante ritorno al periodo d'oro della serie
Snow Day è un gioco cooperativo autentico, ma ripetitivo, che li maledice
Snow Day è un gioco cooperativo autentico, ma ripetitivo, che li maledice
Anteprima di Alan Wake 2 - Esplorando un Killer Hotel nei panni di Alan Wake
Anteprima di Alan Wake 2 - Esplorando un Killer Hotel nei panni di Alan Wake
MapleStory M è stato lanciato ufficialmente in Cina come MapleStory: The Legend of Maple
MapleStory M è stato lanciato ufficialmente in Cina come MapleStory: The Legend of Maple
Unwind and relax with free arcade games.