Bresson Game

Recensione: The Last of Us Part 2 Remastered è molto più di una patch grafica da $ 10

Recensione: The Last of Us Part 2 Remastered è molto più di una patch grafica da $ 10


The Last of Us Part 2 è ancora uno dei migliori giochi mai realizzati.

È un gioco che eccelle in termini artistici, design dei livelli, prestazioni, scrittura, grafica, design audio, rifinitura e un elenco che potrebbe continuare all’infinito. È il migliore della categoria in così tanti generi di sviluppo di videogiochi AAA moderni, e questo non è cambiato dal 2020. Allora perché l’annuncio di questo remaster ha avuto una risposta così contrastante?

In breve, è perché Naughty Dog non pubblica un gioco originale dai tempi di The Last of Us Parte 2. Lo studio, un tempo noto per il suo ritmo incredibilmente elevato di pubblicazioni, ha rallentato in modo significativo. Naughty Dog ha rilasciato quattro giochi originali su PS3, due su PS4 e finora nessuno su PS5. Ciò può essere facilmente spiegato dal salto fulmineo nei tempi di produzione, nei costi e nelle aspettative tra generazioni, ma ciò non ha impedito ad alcuni fan di sentirsi un po’ delusi dal fatto che prima della rimasterizzazione di The Last of Us Parte 2, l’unica cosa che Naughty Dog avesse pubblicato su questa generazione di console c’è un altro remake.

Anche se spesso confuso nelle discussioni contro l’uscita, The Last of Us Part 2 Remastered non ha molto in comune con il remake di The Last of Us, soprannominato Parte 1, invece è molto più vicino all’uscita per PS4 di The Last of Us. che Naughty Dog ha rilasciato all’inizio del ciclo di vita della console a causa del gioco originale che spingeva la PS3 sull’orlo del baratro.

The Last of Us Part 2 include il gioco base, completo di miglioramenti visivi che portano il gioco allo standard di un gioco per PlayStation 5. Anche nei video comparativi fianco a fianco probabilmente farai fatica a vederli davvero, ma il cambiamento è molto più chiaro quando giochi. Il gameplay è molto più reattivo grazie alle opzioni di frame rate variabile che, sui televisori supportati, forniscono un mix di gioco che appare al meglio e si sente al meglio, un marchio di fabbrica di altri titoli PS4 riadattati come Spider-Man e Ghost of Tsushima.

Il feedback tattile offerto dal controller DualSense è il migliore presente in un gioco dai tempi di Astro’s Playroom, con cura e attenzione prestate non solo ai momenti intensi in cui il controller sembra sul punto di esplodere, ma anche a quelli sereni come Joel che lucida una chitarra che intende esplodere. dare a Ellie. Nella nostra intervista con il regista di The Last of Us Part 2 Remastered Matthew Gallant, l’ha definita una delle sue caratteristiche preferite del progetto remaster, paragonandola allo “strumento contundente” del rombo del motore di PS4.

No Return è la più grande novità di The Last of Us Part 2 Remastered. La modalità roguelike vede i giocatori muoversi attraverso le arene di combattimento del gioco, nelle quali miglioreranno le loro armi, abilità di creazione e altro ancora. In superficie, questa è un’aggiunta sconcertante a un gioco che consiste letteralmente nella fuga da un ciclo di violenza, ma in pratica è molto più avvincente di quanto ci aspettassimo.

Il gameplay invisibile di The Last of Us Part 2 è eccellente e, se spinto ai limiti di difficoltà, può provocare alcuni degli incontri tipo gatto e topo con l’intelligenza artificiale più avvincenti mai visti nei giochi. Naughty Dog ha affermato che questa modalità era il risultato diretto delle richieste di un folto gruppo di giocatori che amavano così tanto il combattimento del gioco da utilizzare la funzione di selezione dei capitoli più e più volte per cercare di perfezionare le loro corse attraverso i livelli una volta completati. l’avevo sperimentato per la prima volta nella storia principale, e No Return lo conferma.

L’altra aggiunta principale a The Last of Us Part 2 Remastered è The Lost Levels, una serie di livelli work-in-progress tagliati dal gioco finale, insieme al contesto e ai commenti che spiegano perché sono stati tagliati. Questo è di gran lunga il pezzo più emozionante di questo pacchetto di rimasterizzazione, e il nostro unico desiderio è che ce ne sia di più. Sebbene i commenti degli sviluppatori non siano una novità nel gioco, specialmente in versioni di questo tipo, riuscire a camminare attraverso i livelli in corso conferisce alla modalità una qualità quasi museale.

È anche interessante che questo genere di cose sia stato incluso in un gioco che notoriamente aveva grandi porzioni del gioco condivise illegalmente online prima del rilascio, portando a filmati di livelli non dissimili da quelli di Lost Levels da condividere online, totalmente fuori da Naughty. Il controllo del cane.

Vedere quella che è stata chiaramente un’esperienza incredibilmente violenta essere ricontestualizzata con Naughty Dog per guidare i giocatori attraverso contenuti che tradizionalmente non vedono mai la luce del giorno è un passo coraggioso e ci piacerebbe vedere altri sviluppatori emulare in tali versioni. La segretezza attorno allo sviluppo dei videogiochi è diventata ancora più assurda negli ultimi anni, e per Naughty Dog essere alla guida dell’azione di sollevare anche leggermente quel sipario è un’ottima cosa.

Sebbene il contenuto del gioco sia cambiato, è cambiato anche il contesto in cui viene ripubblicato. Pubblicare un gioco sulla gestione delle conseguenze di una mortale pandemia mondiale a metà del 2020 è stato un momento di preveggenza che nessuno in Naughty Dog avrebbe potuto aspettarsi. Ha fatto sì che The Last of Us Part 2 diventasse uno dei media più spaventosamente attuali mai pubblicati.

Ora, nel 2024, mentre gli echi della pandemia persistono e centinaia di migliaia di persone stanno ancora affrontando in silenzio le conseguenze mentre il resto del mondo decide che è ora di voltare pagina, è difficile non provare un buco allo stomaco quando si entra in un supermercato abbandonato al primo livello, manifesti che consigliano alle persone di indossare maschere penzolano dal muro.

The Last of Us Part 2 è un gioco fondamentale e questo è il modo migliore per giocarci. Per i possessori del gioco originale, il costo dell’aggiornamento è più che coperto da No Return e The Lost Levels, con grafica e feedback tattile migliorati: un miglioramento piacevole, se non strettamente necessario. The Lost Levels offre uno sguardo dietro il cofano dei giochi che raramente viene mostrato dagli sviluppatori con il pedigree di Naughty Dog e, si spera, incoraggerà gli altri a fare lo stesso. No Return è strano in superficie, ma in pratica è una modalità che le eccellenti meccaniche stealth del gioco base hanno sempre meritato.

Towaga: Among Shadows, il gioco di azione e avventura di Sunnyside Games, è ora disponibile su iOS e Android
Towaga: Among Shadows, il gioco di azione e avventura di Sunnyside Games, è ora disponibile su iOS e Android
Sony acquisterà Rockstar e GTA se Xbox acquista Activision sostiene voci
Sony acquisterà Rockstar e GTA se Xbox acquista Activision sostiene voci
Recensione Star Wars Unlimited – la Forza si risveglia, sotto forma di carta!
Recensione Star Wars Unlimited – la Forza si risveglia, sotto forma di carta!
TMNT: recensione di Shredder's Revenge - "I picchiaduro retrò sono tornati con una vendetta"
TMNT: recensione di Shredder's Revenge - "I picchiaduro retrò sono tornati con una vendetta"
Marvel Contest of Champions svela un mare di nuovi contenuti al NYCC 2023
Marvel Contest of Champions svela un mare di nuovi contenuti al NYCC 2023
XDefiant potrebbe essere il killer di Call Of Duty poiché raggiunge 8 milioni di giocatori
XDefiant potrebbe essere il killer di Call Of Duty poiché raggiunge 8 milioni di giocatori
Prince Of Persia: The Lost Crown non piace in modo schiacciante su YouTube
Prince Of Persia: The Lost Crown non piace in modo schiacciante su YouTube
Recensione di Train Sim World 4: la gioia degli osservatori
Recensione di Train Sim World 4: la gioia degli osservatori
Come Square Enix ha affrontato l'accessibilità in Final Fantasy 16
Come Square Enix ha affrontato l'accessibilità in Final Fantasy 16
The King of Fighters Allstar introduce XIII Shen Woo ed Elisabeth Blanctorche nell'ultimo aggiornamento
The King of Fighters Allstar introduce XIII Shen Woo ed Elisabeth Blanctorche nell'ultimo aggiornamento