Bresson Game

Recensione: Paper Trail è un bellissimo puzzle che trasformerà il tuo cervello in poltiglia

Recensione: Paper Trail è un bellissimo puzzle che trasformerà il tuo cervello in poltiglia


Quando ho suonato per la prima volta a Paper Trail al festival indipendente BitSummit di Kyoto lo scorso luglio, sono rimasto impressionato ma preoccupato.

È stato il primo gioco a cui ho giocato allo show, e quella che doveva essere una demo veloce ha finito per durare più di mezz’ora, perché sono rimasto bloccato in una sezione particolare. Persino la persona accanto a me, coinvolta nello sviluppo del gioco, non riusciva a capire cosa fare dopo.

Questo non è stato un difetto del gioco in quanto tale: dopo tutto, i suoi enigmi difficili sono il suo biglietto da visita. Ma il mio riassunto del gioco diceva che la sua meccanica centrale era “piuttosto difficile da capire” e che “ci è stato detto che potrebbe esserci un sistema di suggerimenti messo in atto prima del rilascio, il che sarebbe estremamente utile”.

Ora che è arrivata la versione finale di Paper Trail, posso confermare che è difficile quanto lo era un anno fa. Tuttavia, posso anche confermare che il sistema di suggerimenti promesso è effettivamente incluso, ed è solido: rende il gioco molto più accessibile e meno frustrante, ma garantisce anche che i giocatori non possano fare affidamento esclusivamente su di esso.

Il gioco ti mette nei panni di Paige (geddit?), un’adolescente che lascia la sua casa per la prima volta per cercare una vita di studio accademico. Mentre la maggior parte di noi si reca all’università in macchina o in treno, Paige deve navigare in una serie di ambienti labirintici, ciascuno composto da una serie di schermi individuali.

Inizialmente ogni schermata sembra impossibile da navigare, finché non si utilizza l’espediente principale del gioco. Lo schermo in realtà ha due lati, proprio come un pezzo di carta, e sul lato inferiore c’è un layout completamente diverso.

Piegando lo schermo ai lati o agli angoli è possibile unire un lato con l’altro, modificando l’ambiente e creando nuovi percorsi da navigare. Se ricordi le battute ripiegate su Mad Magazine, è l’equivalente del videogioco.

È difficile da spiegare sulla carta (ironicamente), quindi vale la pena guardare il trailer qui per avere un’idea migliore di come funziona:

Avviso: Per visualizzare questo incorporamento, consenti l’uso dei cookie funzionali nelle Preferenze cookie.

Entro 10 minuti questa meccanica ti farà già grattare la testa, poiché quello che sembra dovrebbe essere (e, in effetti, è) un concetto autoesplicativo diventa rapidamente estremamente difficile.

Non solo devi scegliere da dove foldare, devi anche capire fino a che punto foldare. Aggiungete a ciò il fatto che la maggior parte dei puzzle richiede più pieghe o una serie di movimenti di piegatura e apertura, e con questo potrete farvi venire il mal di testa molto rapidamente.

Ancora una volta, questo non è necessariamente un aspetto negativo. I puzzle game difficili hanno tutto il diritto di esistere, purché non siano così impenetrabili da impedire permanentemente il progresso del giocatore, sprecando sostanzialmente i suoi soldi.

Se una schermata particolare ti sconcerta completamente, premendo un pulsante puoi visualizzare una schermata di “suggerimento”, che mostra un’animazione passo passo di come dovrebbe essere piegato lo schermo.

Non ti tiene completamente per mano (cose come dove camminare, dove far rotolare massi e simili non vengono spiegate, solo le pieghe) ma dovrebbe essere sufficiente per portarti alla schermata successiva ed evitare troppa frustrazione.

Naturalmente, ci saranno quelli che ritengono che una meccanica del genere rovini il gioco e che disprezzano attivamente la sua presenza piuttosto che accettare che altri giocatori ne traggano beneficio. Per persone così, ci sono gli origami.

Sparsi in ogni ambiente ci sono una serie di forme di origami, che possono essere raccolte. Questi si trovano in aree diverse di determinati schermi, il che significa che per raggiungerli è necessaria una routine di piegatura completamente diversa. Mentre la schermata dei suggerimenti mostra come superare la schermata corrente, non rivela come raggiungere l’origami.

Ciò crea una perfetta via di mezzo, consentendo ai giocatori sopraffatti dagli enigmi di almeno completare il gioco in modo da potersi godere la trama commovente e raggiungere il finale, garantendo allo stesso tempo che ci siano ancora molte sfide per i giocatori che vogliono completare il gioco. 100%.

Il gioco non è privo di problemi. Il sistema di controllo sembra un po’ goffo quando si gioca con un controller, ad esempio.

Mentre spostare sia Paige che il cursore che gira lo schermo va benissimo con mouse e tastiera, quando usi due levette sia il protagonista che il puntatore sono un po’ scivolosi, il che significa che non sembra mai veramente intuitivo.

Quando sembra e suona così bello, tuttavia, vale la pena sopportare tale disagio. Se stai cercando qualcosa dal design accattivante che metterà davvero alla prova il tuo coraggio mentale, Paper Trail è un gioco che vale la pena rintracciare.

Baldur's Gate 3 è un enorme successo poiché il numero massimo di giocatori supera i 400.000
Baldur's Gate 3 è un enorme successo poiché il numero massimo di giocatori supera i 400.000
Baldur's Gate 3 vince il gioco dell'anno al Golden Joysticks 2023
Baldur's Gate 3 vince il gioco dell'anno al Golden Joysticks 2023
Arena Breakout sta finalmente rilasciando un beta test globale chiuso per iOS alla fine di questo mese
Arena Breakout sta finalmente rilasciando un beta test globale chiuso per iOS alla fine di questo mese
Quando uscirà Starfield e funzionerà su Steam Deck?
Quando uscirà Starfield e funzionerà su Steam Deck?
Street Fighter 6: primo sguardo esclusivo al nuovo schema di controllo dinamico pensato per aiutare i Button Mashers a eccellere
Street Fighter 6: primo sguardo esclusivo al nuovo schema di controllo dinamico pensato per aiutare i Button Mashers a eccellere
Anteprima di Alan Wake 2: uno sguardo al primo survival-horror di Remedy
Anteprima di Alan Wake 2: uno sguardo al primo survival-horror di Remedy
La console di gioco portatile Playdate ha lanciato una serie di nuovi giochi puzzle e arcade a gennaio
La console di gioco portatile Playdate ha lanciato una serie di nuovi giochi puzzle e arcade a gennaio
Sì, Vostra Grazia Recensione - "Per il re e la patria!"
Sì, Vostra Grazia Recensione - "Per il re e la patria!"
Anteprima della grande fuga di Penny - Bauhausian Rhapsody
Anteprima della grande fuga di Penny - Bauhausian Rhapsody
La metà dei giocatori PlayStation non ha ancora una PS5
La metà dei giocatori PlayStation non ha ancora una PS5