Bresson Game

La recensione mobile del desiderio | Giocatore tascabile

La recensione mobile del desiderio |  Giocatore tascabile



Pochissimi giochi riescono ad affrontare la profondità del significato della vita in un modo che risuona con i giocatori molto tempo dopo la fine dei titoli di coda, e ancora meno possono farlo senza la necessità di voci fuori campo fantasiose e filmati emotivi. Questo è esattamente il motivo per cui mi ha semplicemente lasciato a bocca aperta il modo in cui The Longing lo ha eseguito in modo così impeccabile – e tutto ciò che è servito è stata un’ombra senza nome e i suoi grandi occhi gialli per aiutarmi a vedere la verità.

Realizzato per essere giocato per 400 giorni IRL, The Longing è un bizzarro incrocio tra un gioco inattivo e un’avventura punta e clicca, unito a ricchi bocconcini narrativi nel mezzo e presentato con un’estetica stilizzata in stile Burton. Non farò nemmeno finta di essere pignolo su questo gioco: mi ha toccato in un modo che non mi aspettavo e ha dato un significato completamente nuovo al desiderio del titolo alla fine di tutto.

Sommario:

LA LUNGA STORIA

Inizi come uno Shade dal nome appropriato, incaricato della responsabilità apparentemente insignificante ma in realtà gigantesca di risvegliare il tuo re dal suo sonno di 400 giorni nelle profondità sotto la superficie. Il gioco inizia con il re che si riposa, dopodiché sei libero di vagare per le profondità labirintiche della grotta con una sola regola: non andartene.

Non tutto è perduto, però. Nei panni di un servitore senza nome, privato della tua identità e senza alcuna conoscenza del leggendario mondo di superficie, vagherai nell’oscurità scoprendo frammenti di vita al di fuori delle mura cavernose. Ricucirai ciò che era una volta e ciò che avrebbe potuto essere, il tutto mentre costruisci la tua personalità, le tue opinioni e i tuoi desideri interiori lungo il percorso.

Anche se a prima vista potrebbe sembrare incredibilmente noioso, c’è davvero un tesoro di meraviglie da scoprire all’interno delle grotte, con colpi di scena inaspettati che potrebbero occupare tutto il tuo tempo prima che quei 400 giorni siano trascorsi. Alcune porte impiegano due ore per aprirsi completamente, mentre alcuni passaggi impiegano da 14 giorni a un mese intero prima di potervi accedere. Che tu stia aspettando pazientemente che piccole goccioline d’acqua riempiano un abisso o lasciando che un amico ragno tesse una rete abbastanza robusta su cui arrampicarti, c’è sempre qualcosa da aspettare in The Longing – e sì, ne vale la pena. .

Recensione Iris and the Giant (Utomik) – “Gameplay coinvolgente, una storia ancora più avvincente”

IL GIOCO DEL DESIDERIO

Giocare al gioco dell’attesa qui, per così dire, è abbastanza letterale. Per prima cosa, non puoi viaggiare velocemente in luoghi diversi, né puoi accelerare il ritmo dell’Ombra mentre cammina. Camminerai a passo di lumaca, perché che fretta c’è quando hai 400 giorni a disposizione?

La natura inattiva qui si presenta sotto forma di effettivo passare del tempo anche quando sei disconnesso: in sostanza, puoi persino avviare il gioco e non tornarci mai più finché non sono trascorsi 400 giorni. Avrai un numero limitato di slot in cui potrai “ricordare” un certo punto all’interno della grotta, ma questo è il massimo che puoi fare quando si tratta di mobilità. Devi davvero camminare faticosamente verso dove vuoi andare: una lezione di pazienza e dell’arte perduta dell’attesa in sé.

Sono trascorse poco più di 6 settimane e finalmente mi sono imbattuto in uno dei possibili finali del gioco. Ammetto di aver consultato alcune guide online per accedere a determinati eventi, ma la comunità online è stata così gentile da pubblicare guide prive di spoiler che lasciano comunque ampio spazio all’auto-esplorazione.

È difficile spiegare quanto sia emozionante questo gioco senza spoilerare nulla, perché, in realtà, le cose che scopri e gli eventi che scateni sono ciò che fa brillare il gioco, ma è sufficiente dire che offre lo stesso tipo di euforia che proverai. comunemente sperimentato con i giochi punta e clicca della vecchia scuola.

Fare qualcosa può innescare qualcos’altro e le tue scelte contano in una certa misura dati i molteplici finali del gioco. Ci sono anche enigmi che devi risolvere e le risposte non saranno ovvie: devi davvero prestare attenzione alle cose intorno a te e ai pensieri casuali dell’Ombra stessa per progredire nel gioco.

La maggior parte dei risultati che ottieni hanno qualcosa a che fare con l’abbellimento del tuo piccolo angolo della grotta: un piccolo spazio che puoi tranquillamente chiamare casa tua. Nel corso del tempo, a seconda degli eventi che scateni e degli oggetti che raccogli, puoi rendere la tua casa più accogliente con dipinti, musica, decorazioni, fuochi caldi e persino ulteriori espansioni che includono un letto, un giardino e una toilette. Ciò ti dimostra come i desideri semplici possano essere molto più soddisfacenti quando non hai le distrazioni del mondo esterno che gareggiano continuamente per la tua attenzione.

QUAL È L’APPELLO?

Questo, in sostanza, è ciò che rende il gioco così dannatamente bello. Tutto quello che fai qui è un esercizio di semplicità, e mentre il gioco fa sembrare che l’Ombra stia imparando a conoscere il mondo in cui viviamo oggi, al contrario, sono stato davvero io a sentirmi come se stessi imparando dall’Ombra. I suoi pensieri, i suoi sentimenti, i suoi libri, i suoi desideri…tutto è un riflesso della vita umana. Non riesco, per quanto mi riguarda, a credere quanto possa essere efficace questa Ombra quando si tratta di questioni filosofiche e trascendenti – e tutto questo senza dover mostrare un briciolo di emozione sul suo volto inespressivo (può sorridere a trentadue denti però, il che è stranamente adorabile).

Non ho mai sperimentato prima un’esperienza così profonda in un pacchetto così semplice. The Longing prende effettivamente tutto ciò che pensi di sapere sui videogiochi in questo mondo frenetico e funge da antitesi: si fa persino beffe dei giochi per dispositivi mobili in quanto rifiuta semplicemente di aggiungere qualsiasi cosiddetta “qualità di qualità” life” che normalmente cerco nei giochi in movimento.

Recensione di Lost in Play – “Niente batte il potere dell’immaginazione infantile” Non ci sono punti di salvataggio, né scorciatoie, né comodi pulsanti “ottimizzati per dispositivi mobili” qui. Tutto quello che c’è è l’attesa e le infinite possibilità che la accompagnano – e in questo caso va assolutamente bene.

Recensione di disimballaggio su dispositivo mobile - "Molto da disimballare in un piccolo schermo"
Recensione di disimballaggio su dispositivo mobile - "Molto da disimballare in un piccolo schermo"
PUBG Mobile rivela la prossima collaborazione con il colosso del fast food KFC
PUBG Mobile rivela la prossima collaborazione con il colosso del fast food KFC
Bayonetta Origins è un'avventura irregolare con un pugno di platino appena sufficiente
Bayonetta Origins è un'avventura irregolare con un pugno di platino appena sufficiente
I contratti sono facoltativi in ​​Assassin's Creed Mirage ma non li salterò
I contratti sono facoltativi in ​​Assassin's Creed Mirage ma non li salterò
Honor of Kings ospita un invito da 3 milioni di dollari in collaborazione con la Coppa del mondo di eSport
Honor of Kings ospita un invito da 3 milioni di dollari in collaborazione con la Coppa del mondo di eSport
 Come un altro codice: il ricordo rivitalizza un culto preferito |  Nuovo gameplay oggi
Come un altro codice: il ricordo rivitalizza un culto preferito | Nuovo gameplay oggi
Il nuovo gioco Deus Ex è stato cancellato dopo due anni e 97 dipendenti hanno perso il lavoro
Il nuovo gioco Deus Ex è stato cancellato dopo due anni e 97 dipendenti hanno perso il lavoro
Recensione: Apollo Justice: Ace Attorney Trilogy offre una ricchezza di perfezione giudiziaria
Il porting per PC di Final Fantasy 16 non uscirà per almeno sei mesi
Il porting per PC di Final Fantasy 16 non uscirà per almeno sei mesi
Survival Bowling ti incarica di eliminare i birilli che vogliono prenderti, ora su iOS
Survival Bowling ti incarica di eliminare i birilli che vogliono prenderti, ora su iOS